meditazione lago di garda

Meditazione lago di garda

Meditazione lago di garda.

Meditazione lago di garda

meditazione lago di garda

Satyananda Students cerca di condividere e studiare, quelli che sono gli insegnamenti di Swami Satyananda. Nel 1974 cercò di dare una spiegazione precisa dello stato di meditazione…

La Meditazione passiva
Secondo Swami Satyananda (1974) ci sono due tipi di meditazione: attiva e passiva. La meditazione passiva è dove ci si siede per un po ‘di tempo e si pratica una qualche forma di contemplazione per l’introspezione. Lo scopo della meditazione passiva è di aiutare la mente a rimanere ferma e a renderla focalizzata su un punto. Ci sono quattro fasi di nella meditazione passiva:

Fase 1 – Pratyahara: qui è dove la mente è fissata su una pratica o tecnica meditativa come un suono, un mantra, un’immagine visiva, ecc. Può anche coinvolgere un asana o un movimento. Questo processo è progettato per occupare e calmare la mente, e renderla più introversa. Normalmente è costantemente distratta da eventi e segnali esterni che arrivano in ogni momento.

Fase 2 – Dharana: Il libero flusso di pensieri, visioni, ricordi ecc.  dell’ inconscio, questo è il segno distintivo di questo stadio di meditazione e lo scopo è di liberare la mente dal disordine del subconscio. L’idea è di osservare semplicemente i pensieri e le impressioni, ma allo stesso tempo distaccarsi in modo sottile dalle macchinazioni e dalle vicende interne. È come aspettare ad una fermata dell’autobus il tuo bus. Molte macchine e camion passano, vengono notati ma non ci coinvolgono. Questo scenario di traffico rappresenta in un certo senso il flusso reale e costante di pensieri, impressioni e sentimenti che spesso confondono un chiaro flusso di consapevolezza cosciente.

Fase 3 – Dhyana: la vera meditazione inizia davvero solo quando il disordine mentale non fa più parte costante della concentrazione o fonte di distrazione e la mente può iniziare a focalizzarsi e contemplare gli aspetti superiori della coscienza. In realtà non se ne va mai. La mente in realtà non diventa vuota o silenziosa. Si ignora semplicemente il disordine e il rumore continuo della vita e si “sintonizza” sul cosmo o sulla coscienza collettiva, e quindi si inizia ad avere una consapevolezza spontanea degli aspetti superiori del sé e della conoscenza di un ordine superiore. Un senso di connessione a tutta la vita e tutte le cose si sviluppa e questa connessione consente la possibilità di assorbimento nel tutto.

Fase 4 – Samadhi: quando la mente è totalmente trascesa, si può, in teoria, raggiungere la coscienza suprema e ciò che è spesso noto come illuminazione. Questo è quando la persona è totalmente immersa o assorbita nello stato di meditazione in ogni momento ed è al di là della normale consapevolezza quotidiana. Tutte le cose alla fine diventano una cosa sola. È uno stato di essere molto alto e non così facile da ottenere, ma a volte possiamo avere scorci e brevi esperienze di questo stato se persistiamo.

Meditazione lago di garda non significa che queste pratiche sono più efficaci in questo luogo o in luoghi tranquilli e energeticamente favorevoli. Significa che ci impegniamo, in questo luogo meraviglioso ma così turistico e frequentato, a portare un po di equilibrio e salute alle persone che intendono percorrere un percorso di crescita personale.

Meditazione lago di garda tecniche e pratiche per sviluppare la consapevolezza.

Hari Om Tat Sat

www.orientiamo.com